Garanzia fino a 10 anni
10% di sconto su tutto con codice MAG10
60 giorni reso gratuito
Home>Tutti i blog>Salute sul Lavoro>Dettaglio del Blog>

SALUTE E FITNESS丨Cos'è la sindrome del burnout e come si cura?

29 giugno 2022

La parola burnout è difficile da tradurre in inglese. Si riferisce a ciò che viene definito colloquialmente "essere esauriti", cioè include sia l'esaurimento che un atteggiamento di sconforto. È legato a un atteggiamento sul lavoro caratterizzato da sentimenti negativi.

 

La sindrome del burnout, che è stata inclusa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità nella sua Classificazione Internazionale delle Malattie, è un burnout occupazionale che deriva da situazioni lavorative che causano stress e che impediscono al soggetto di svolgere le attività quotidiane.

 

Questa condizione ha iniziato a essere nominata negli anni '70, quando è stato rilevato che alcuni lavoratori soffrivano di un grande carico emotivo e lavorativo che influiva sulla loro salute. In seguito, quando sono stati compiuti progressi nello studio delle emozioni e nell'applicazione della loro gestione nell'ambiente di lavoro, sono stati sviluppati diversi strumenti per combattere questa sindrome, tra le altre afflizioni psicologiche di natura prevalentemente professionale.

 

Il burnout è caratterizzato da tre diverse dimensioni: sensazione di stanchezza o mancanza di energia, distacco mentale e sentimenti negativi nei confronti del lavoro e riduzione dell'efficacia professionale.

 

I sintomi del burnout

Alcuni dei principali sintomi che indicano che una persona può soffrire di questo disturbo sono i seguenti. Tuttavia, alcuni di essi possono essere simili ad altri casi di stress, ansia o depressione, quindi è importante che, se si soffre di diversi di essi, si consultino professionisti della salute mentale.

 

In ambito lavorativo, potreste diventare eccessivamente critici, avere difficoltà a venire al lavoro e a iniziare la giornata, essere irritabili e permalosi con colleghi, superiori o clienti e, soprattutto, sentirvi disillusi e demotivati.

 

In termini di salute personale, le abitudini di sonno e alimentari possono cambiare, compreso il consumo di sostanze nocive come droghe o alcol, l'aumento di peso o la perdita di appetito, la difficoltà di concentrazione e disturbi fisici come mal di testa o mal di stomaco e, nel caso delle donne, la disregolazione del ciclo mestruale.

 

Cause del burnout

Questa sindrome può colpire qualsiasi persona, indipendentemente dall'età, dal sesso e dalla situazione personale, anche se è principalmente associata a problemi legati al lavoro.

 

I fattori più determinanti che possono portare alla sua comparsa sono:

Per quanto riguarda il modo di lavorare, ciò che può colpire maggiormente un lavoratore è la mancanza di controllo, cioè l'impossibilità di influenzare le decisioni che riguardano il suo lavoro e le sue mansioni. Possono anche risentirne se hanno troppe responsabilità

 

D'altra parte, avere difficoltà a comprendere le aspettative dell'azienda nei propri confronti, non avere alcuna possibilità di promozione o di miglioramento a lungo termine può portare a una grande stanchezza che può sfociare in questa sindrome.

 

Esistono anche altre situazioni più gravi, come le molestie o il continuo disconoscimento o ridicolizzazione, che possono portare allo stress da lavoro.

 

Sebbene questi siano i fattori più comuni che possono scatenare questa sindrome, esistono altri motivi non legati alla giornata lavorativa.

 

Alcuni di essi possono essere legati allo stile di vita. Ad esempio, se c'è un forte squilibrio tra lavoro e vita privata, perché è difficile conciliare le due cose, questo può complicare i rapporti con la famiglia e gli amici.

 

Di conseguenza, poiché le relazioni sociali sono compromesse, può mancare il sostegno e l'aiuto delle persone vicine.

 

Altri criteri che sono stati considerati correlati all'insorgere di ansia, stress e persino alla sindrome del burnout sono associati a determinati tratti della personalità.

 

Si verificano soprattutto nelle persone con tendenze molto perfezioniste, che si stressano pensando che nulla sia abbastanza buono o ben fatto. Si verifica anche nelle persone che hanno una visione molto pessimistica di se stesse o del mondo in cui vivono, o nelle persone che sono eccessivamente controllanti, incapaci di delegare i compiti e sovraccariche di lavoro.

 

Trattamento del burnout

Per individuare l'esistenza di questa sindrome, è necessario effettuare una diagnosi di valutazione psicologica, in cui si verifica la gravità della sindrome e l'eventuale presenza di altri disturbi associati, come un'eventuale depressione. È comune che la persona affetta da burnout soffra di qualche disturbo emotivo aggiuntivo, quindi è prioritario cercare un trattamento farmacologico specifico per questa patologia.

 

Per quanto riguarda il burnout, una volta effettuata la diagnosi medica, è necessario iniziare il trattamento. Questa terapia dovrebbe essere incentrata sull'aumento dell'autostima, sull'incremento dell'autoefficacia personale e sul miglioramento della sensazione di controllo.

 

Di solito viene trattata con tecniche di consulenza comportamentale, che aiutano a gestire lo stress, a modificare i pensieri e i comportamenti negativi e a riprovare comportamenti diversi in situazioni o circostanze negative e spiacevoli, per aiutare la persona a gestire le proprie emozioni e ad aumentare la propria resilienza e capacità di affrontare le diverse sfide lavorative.

 

I diversi metodi per trattare il burnout sono la psicoterapia, il coaching, la terapia sportiva, le tecniche di rilassamento e l'ipnosi.