Garanzia fino a 10 anni
10% di sconto su tutto con codice MAG10
60 giorni reso gratuito
Home>Tutti i blog>Salute sul Lavoro>Dettaglio del Blog>

ERGONOMIA丨Breve escursione nella storia delle scrivanie

06 luglio 2022

Nel XX secolo, molti immaginavano un flusso infinito di persone che andavano a lavorare in uffici con scrivanie identiche disposte secondo infiniti schemi geometrici. In film come il classico del muto La folla del 1928 o L'appartamento del 1960, questa immagine è rimasta impressa nell'immaginario collettivo. E il film Desk Set del 1957 mostra come i computer abbiano iniziato a permeare il mondo dei lavoratori d'ufficio.

 

Si potrebbe pensare che per la maggior parte delle persone andare al lavoro significhi andare alla scrivania. Ma la realtà per molte persone è ben diversa. Per la maggior parte delle persone, in effetti. Non c'è una scrivania e non c'è un ufficio. Non c'è una sala per le pause, né un armadietto per le scorte, né una ciotola di dolci alla reception da cui strappare un pezzo più volte al giorno.

 

La maggior parte dei lavoratori lavora senza una sede fissa. Che si tratti di installare e riparare apparecchiature di telecomunicazione, riparare impianti idraulici, cantare arie all'opera o pulire uffici altrui, il vostro lavoro non richiede di iniziare e terminare la giornata alla scrivania di una fattoria di cubicoli.

 

Ma questo non significa che non dobbiate fare molte delle cose che chi lavora alla scrivania passa le giornate a fare. Dovete comunque gestire il vostro programma, coordinare le vostre attività con gli altri e registrare i risultati del vostro lavoro in rapporti da condividere con gli altri. Potreste anche dover assumere dei subappaltatori per aiutarvi o ricercare argomenti diversi per aiutarvi a completare un compito.

 

Cosa c'è nelle scrivanie che le fa andare di pari passo con il lavoro, almeno nell'immaginario popolare, se non nella realtà? Potreste trovare qualche indizio in questo breve tour della storia delle scrivanie.

 

XIV secolo: La parola "scrivania" deriva dal termine latino che indica qualcosa su cui scrivere. Naturalmente, nel XIV secolo la scrittura era molto diversa da quella di oggi e questo si riflette anche nel design delle prime scrivanie. Non solo consistevano in una superficie piatta, ma spesso contenevano una serie di piccoli cassetti e scomparti. Stranamente, le prime scrivanie erano progettate in modo da poter essere facilmente trasportate in un altro luogo. Solo qualche secolo più tardi, le scrivanie si dotarono di piedi e di ripiani più robusti che potevano essere utilizzati per riporre oggetti di peso maggiore.

 

XIX secolo: Con l'inizio della rivoluzione industriale è arrivata la carta a basso costo. E con essa è nata una nuova generazione di creatori di carta professionali. Il numero di persone che lavorano principalmente alle scrivanie è esploso e i mobili per ufficio prodotti in serie hanno sostituito quelli realizzati da artigiani altamente qualificati.

 

Anni '80 del XIX secolo: il famoso banco scolastico monoblocco progettato da Anna Breadin cambiò rapidamente il design delle scuole: i banchi individuali sostituirono le file di alunni seduti su banchi davanti a lunghi tavoli.

 

Inizio del XX secolo: due innovazioni cambiano radicalmente i requisiti delle scrivanie per ufficio. La proliferazione esponenziale della carta ha fatto sì che le scrivanie dovessero sostenere un peso molto più elevato. L'avvento della macchina da scrivere ha fatto sì che le scrivanie dovessero resistere a urti violenti e ripetuti. Di conseguenza, le scrivanie in acciaio anziché in legno hanno fatto il loro ingresso negli uffici e i mobili in acciaio coordinati hanno completato il look.

 

1947: la "Home Office Desk" di Herman Miller è spesso considerata la prima postazione di lavoro moderna. L'influenza di Herman Miller sull'ambiente di lavoro continua ancora oggi: La sedia Aeron è diventata il simbolo delle prime start-up "dot-com" e la vendita di sedie Aeron leggermente usate è diventata il simbolo del fallimento delle dot-com nel 2000.

 

2012: nonostante le innovazioni come l'IBM Selectric, con la sua sfera intercambiabile che permetteva di cambiare il carattere con un clic, le macchine da scrivere sono state rapidamente dimenticate quando i PC hanno conquistato le scrivanie delle persone. Nel 2012, Brother ha prodotto l'ultima macchina da scrivere realizzata nel Regno Unito.

 

Il presente: le scrivanie regolabili in altezza (come la E7) godono di una popolarità senza precedenti, sia negli uffici che negli uffici domestici che sono diventati una parte essenziale della vita durante la pandemia. Le scrivanie in piedi hanno avuto i loro sostenitori per secoli: si ritiene che Leonardo da Vinci non solo abbia dipinto i suoi capolavori, come la Gioconda, stando in piedi al suo cavalletto, ma abbia anche scritto e progettato i progetti di innovazioni come macchine volanti e autoblindo stando in piedi. Anche gli statisti Thomas Jefferson e Winston Churchil hanno scritto in piedi, così come gli scrittori Ernest Hemmingway e Charles Dickens. Oggi, alcuni scelgono di scrivere in piedi perché ne sono ispirati e molti scelgono di alzarsi perché sono consapevoli degli effetti negativi che uno stile di vita sedentario può avere sulla salute. (Naturalmente, questo è meno vero per molte persone che lavorano senza scrivania, poiché il loro lavoro spesso permette loro di essere fisicamente attivi durante la giornata).